venerdì 20 dicembre 2019

L'anno (telematico) che verrà

Giunti alla fine del 2019, sono trascorsi per me 10 anni dal primo contatto con il Processo Telematico.
Frequentai allora un corso sul decreto ingiuntivo telematico, un ringraziamento speciale a un Amico che mi propose quel corso 🌻.

Vediamo quali saranno le novità, buone e cattive, per l’anno che verrà.

Iniziamo con le cattive notizie:
👎La più significativa è quella relativa alla cessazione della convenzione gratuita per PEC e Consolle Avvocato tra gli Ordini Lombardi e la società Open Dot Com. Ci sarà un impatto sull’attività professionale, dovuto al pagamento del canone per l’utilizzo del servizio abituale, oppure alla necessità di utilizzare un software differente.
Per una maggior comprensione vedasi il mio articolo su questo blog.

👎Lo Spam sulle caselle di Posta certificata ha rappresentato nel 2019 una novità imprevista. Per come è concepita, la PEC dovrebbe essere immune dall’invio di messaggi illeciti, in quanto il mittente è certificato e non è possibile usare false identità. Inaffondabile come il Titanic!
Il principio teorico è stato aggirato banalmente usando identità legittime, estraendo le credenziali di accesso dai computer per mezzo di virus informatici.
A questo proposito si consulti una guida pubblicata dall’Agid:

Vediamo le incognite:
-Abolizione dell’atto di citazione
-Obbligo di notifica telematica

Le notizie positive in ambito di Processo Telematico sono:
👍 È prossima la possibilità di effettuare depositi telematici presso la Corte di Cassazione.
Al momento sono in corso i test di funzionamento.

👍 Sarà possibile consultare fascicoli (in parte lo è già) e depositare telematicamente presso i Giudici di Pace:

👍 e consultare i fascicoli presso il Tribunale per i Minorenni:

👍 È previsto l’avvio del Processo Penale Telematico (PPT) per la consultazione dei fascicoli ed il deposito di atti, nonché l’utilizzo della videoconferenza per i dibattimenti.

👍 Si parla di un possibile aumento della dimensione della busta depositabile, probabilmente per mezzo di un canale di upload via web, in alternativa alla PEC.

Auguro a tutti un buon anno 2020,

proficuo e sereno.

venerdì 6 dicembre 2019

Controllare la scadenza della PEC Sicurezzapostale di Namirial SpA



Per verificare la scadenza della Sua Casella di Posta Elettronica Certificata Namirial Sicurezzapostale, ad esempio quella terminante per milano.pecavvocati.it, deve andare sul link web indicato di seguito ed entrare utilizzando le stesse credenziali di posta elettronica certificata. È possibile eventualmente procedere al rinnovo della stessa.


mercoledì 4 dicembre 2019

2020: Odissea nelle Consolle


In seguito alla risoluzione della convenzione tra gli Ordini Avvocati Lombardi e la società Open Dot Com (Avviso1, Avviso2) si pone il dilemma: continuare ad usare Consolle Avvocato™ oppure utilizzare il nuovo sistema gratuito “PCT Enterprise” offerto dagli Ordini?

Il nuovo prodotto ha le funzioni minime necessarie e l’interfaccia è semplice ed intuitiva.
Confrontiamo i pro e contro delle due opzioni.

1) Continuare ad usare la Consolle Avvocato™:
+ Continuità di servizio;
+ Mantenimento dell’archivio;
+ Esperienza d’uso consolidata;
+ Funzionamento anche senza connessione ad Internet per la gestione dei fascicoli locali;

- Costo annuale (un canone per ciascun Avvocato, indipendentemente dalle postazioni installate)


2) Usare il nuovo servizio PCT Enterprise ( https://pcte.unionelombardaordiniforensi.it )
+ Gratuito;
+ Supporto ufficiale da parte degli Ordini;
+ È una applicazione basata sul Web, per cui non occorre installare il software principale sul computer e l’archivio fascicoli è lo stesso su tutti i computer da cui si accede;
+ È utilizzabile con qualunque indirizzo di Posta Certificata;
+ Potenzialmente utilizzabile anche su dispositivi mobili;

- Necessaria la formazione sul nuovo sistema;
- Occorre ricostruire l’archivio dei fascicoli locali;
- Mancano utility accessorie quali la richiesta di certificati anagrafici del comune di Milano e la sincronizzazione dell’agenda;

È possibile mantenere contemporaneamente i due sistemi, non ci sono controindicazioni.
Questa è la soluzione che secondo me permette eventualmente una migrazione serena verso il nuovo sistema.
Per coloro che fanno un utilizzo intenso della Consolle ed hanno un archivio importante può essere vantaggioso continuare ad utilizzare la precedente Consolle, mentre per utilizzatori occasionali il nuovo sistema può essere adeguato.

Sono a disposizione per aiutare nell’attivazione del nuovo sistema PCT Enterprise, configurazione del dispositivo di firma digitale e formazione all’uso.