lunedì 10 febbraio 2020

Mi si è ristretto il PDF !


Un problema quotidiano che può capitare nella procedura di deposito nel Processo Telematico è quello della necessità di ridurre la dimensione dei file allegati per rientrare nella dimensione di una unica busta da 30MB (Megabyte).
Spesso c'è la tentazione di sottoporre il file PDF ad una compressione ZIP, ma il tentativo spesso dà scarsi risultati (ciò dipende dal fatto che la compressione ZIP è pensata per altri scopi, non è adatta per le immagini, che richiedono algoritmi di compressione specifici).

Ecco alcuni suggerimenti su come agire:

Se il documento da allegare è in originale cartaceo, occorre per prima cosa ottimizzare la scansione dalla carta per ridurre la dimensione del file senza perdere significativamente qualità dell’immagine ottenuta. Spesso in realtà è accettabile anche una sensibile degradazione di qualità, ad esempio se abbiamo a che fare con un contatto scritto a caratteri grandi. Una perdita minore si potrà accettare con una fitta tabella contabile.

Ottimizzare la scansione
Per ottimizzare l’esito di una scansione si può agire su tre parametri, anche contemporaneamente:
1) risoluzione di scansione, espressa in punti per pollice (DPI). Questo valore spesso è impostato per valore predefinito a 200 o più DPI, ma può essere efficacemente ridotto a 150 o 100 senza gravi esiti. Anche un valore di 75 può risultare tollerabile in casi estremi.
2) Colore o scala di grigi. Le informazioni necessarie per descrivere una immagine a colori sono molto maggiori rispetto ad una immagine in bianco e nero. Se non c'è necessità di avere una resa a colori del documento, si può impostare il tipo “Scala di grigi” tra i parametri di scansione.
Esiste anche il livello “Bianco e nero”, ma questo può risultare in un taglio totale nei mezzi toni, con perdita ad esempio dei timbri o delle annotazioni a penna blu.
3) fatture di compressione PDF. Quando viene salvato il file PDF, il software di scansione applica una compressione informatica. È possibile regolare il rapporto tra qualità e fattore di riduzione a piacere. È opportuno fare delle prove per individuare il fattore ottimale per il proprio sistema informatico.

Evitare la scansione laddove possibile
La cosa migliore è, se possibile, utilizzare file nativamente digitali.
Mi capita spesso di vedere visure camerali, email, siti web, ricevute PEC che vengono prima stampate e poi scansionate per il deposito. Non va bene. Se in origine il dato è digitale, deve essere acquisito già nativamente in PDF.
Le visure camerali ad esempio sono già nativamente PDF, peraltro contenenti la firma digitale dell’ente rilasciante.
Per email web, PEC è opportuno usare software di conversione in PDF, quali:
1) lo strumento di stampa virtuale PDF già incluso in Windows 10;
2) il software PDF Creator (https://www.pdfforge.org/pdfcreator) o altri simili gratuitamente scaricabili.


PDF già esistenti
Spesso il documento è disponibile già nel formato digitale PDF, perché arriva dal cliente o è stato scaricato online.
In questi casi è ancora possibile tentare una compressione se il file è voluminoso.
La possibilità di comprimere un file dipende dalla quantità di dati che contiene, in particolare dalla sua “complessità”. Un file contenente molto “rumore”, cioè macchie tipiche della fotocopiatura ripetuta più volte, generano file più pesanti a parità di numero di pagine. Un file è indicativamente troppo pesante se richiede oltre qualche centinaio di KiloByte a pagina.

Metodi per ridurre un PDF (gratis):
1) utilizzare un software di stampa virtuale, quale PDF Creator. Tra le opzioni di conversione del programma è possibile definire alcuni parametri, tra cui il “Ricampionamento”, per cui vale lo stesso discorso fatto per la 'risoluzione' al capitolo precedente;
2) utilizzare un servizio online quale l’ottimo www.ilovepdf.com (sezione compress PDF, il sito è in inglese);
3) per gli utenti del sistema operativo GNU/Linux si possono usare vari comandi da terminale, ad esempio la doppia conversione da PDF a PS e viceversa con pdf2ps e ps2pdf.

Se una volta ridotti i PDF il peso totale supera la dimensione accettabile per una busta si potrà procedere con un deposito multiplo. Si tenga presente che per rientrare in una bosta da 30MB il totale de file deve indicativamente non superare di molto i 20MB.

PDF singolarmente troppo grandi
Se il singolo file è di per se eccessivo (oltre 20 MB) anche dopo la compressione, l’unica possibilità rimanente è quella di suddividere il file in più parti ed effettuare depositi in buste separate:
1) utilizzando il già citato PDF Creator, che in fase di stampa consente di specificare un intervallo di pagine, esattamente come se si stampasse su carta. Si può quindi dividere il file originale a piacere;
2) utilizzando il (anche già citato) sito www.ilovepdf.com che offre molti strumenti per manipolare i file PDF.

venerdì 20 dicembre 2019

L'anno (telematico) che verrà

Giunti alla fine del 2019, sono trascorsi per me 10 anni dal primo contatto con il Processo Telematico.
Frequentai allora un corso sul decreto ingiuntivo telematico, un ringraziamento speciale a un Amico che mi propose quel corso 🌻.

Vediamo quali saranno le novità, buone e cattive, per l’anno che verrà.

Iniziamo con le cattive notizie:
👎La più significativa è quella relativa alla cessazione della convenzione gratuita per PEC e Consolle Avvocato tra gli Ordini Lombardi e la società Open Dot Com. Ci sarà un impatto sull’attività professionale, dovuto al pagamento del canone per l’utilizzo del servizio abituale, oppure alla necessità di utilizzare un software differente.
Per una maggior comprensione vedasi il mio articolo su questo blog.

👎Lo Spam sulle caselle di Posta certificata ha rappresentato nel 2019 una novità imprevista. Per come è concepita, la PEC dovrebbe essere immune dall’invio di messaggi illeciti, in quanto il mittente è certificato e non è possibile usare false identità. Inaffondabile come il Titanic!
Il principio teorico è stato aggirato banalmente usando identità legittime, estraendo le credenziali di accesso dai computer per mezzo di virus informatici.
A questo proposito si consulti una guida pubblicata dall’Agid:

Vediamo le incognite:
-Abolizione dell’atto di citazione
-Obbligo di notifica telematica

Le notizie positive in ambito di Processo Telematico sono:
👍 È prossima la possibilità di effettuare depositi telematici presso la Corte di Cassazione.
Al momento sono in corso i test di funzionamento.

👍 Sarà possibile consultare fascicoli (in parte lo è già) e depositare telematicamente presso i Giudici di Pace:

👍 e consultare i fascicoli presso il Tribunale per i Minorenni:

👍 È previsto l’avvio del Processo Penale Telematico (PPT) per la consultazione dei fascicoli ed il deposito di atti, nonché l’utilizzo della videoconferenza per i dibattimenti.

👍 Si parla di un possibile aumento della dimensione della busta depositabile, probabilmente per mezzo di un canale di upload via web, in alternativa alla PEC.

Auguro a tutti un buon anno 2020,

proficuo e sereno.

venerdì 6 dicembre 2019

Controllare la scadenza della PEC Sicurezzapostale di Namirial SpA



Per verificare la scadenza della Sua Casella di Posta Elettronica Certificata Namirial Sicurezzapostale, ad esempio quella terminante per milano.pecavvocati.it, deve andare sul link web indicato di seguito ed entrare utilizzando le stesse credenziali di posta elettronica certificata. È possibile eventualmente procedere al rinnovo della stessa.


mercoledì 4 dicembre 2019

2020: Odissea nelle Consolle


In seguito alla risoluzione della convenzione tra gli Ordini Avvocati Lombardi e la società Open Dot Com (Avviso1, Avviso2) si pone il dilemma: continuare ad usare Consolle Avvocato™ oppure utilizzare il nuovo sistema gratuito “PCT Enterprise” offerto dagli Ordini?

Il nuovo prodotto ha le funzioni minime necessarie e l’interfaccia è semplice ed intuitiva.
Confrontiamo i pro e contro delle due opzioni.

1) Continuare ad usare la Consolle Avvocato™:
+ Continuità di servizio;
+ Mantenimento dell’archivio;
+ Esperienza d’uso consolidata;
+ Funzionamento anche senza connessione ad Internet per la gestione dei fascicoli locali;

- Costo annuale (un canone per ciascun Avvocato, indipendentemente dalle postazioni installate)


2) Usare il nuovo servizio PCT Enterprise ( https://pcte.unionelombardaordiniforensi.it )
+ Gratuito;
+ Supporto ufficiale da parte degli Ordini;
+ È una applicazione basata sul Web, per cui non occorre installare il software principale sul computer e l’archivio fascicoli è lo stesso su tutti i computer da cui si accede;
+ È utilizzabile con qualunque indirizzo di Posta Certificata;
+ Potenzialmente utilizzabile anche su dispositivi mobili;

- Necessaria la formazione sul nuovo sistema;
- Occorre ricostruire l’archivio dei fascicoli locali;
- Mancano utility accessorie quali la richiesta di certificati anagrafici del comune di Milano e la sincronizzazione dell’agenda;

È possibile mantenere contemporaneamente i due sistemi, non ci sono controindicazioni.
Questa è la soluzione che secondo me permette eventualmente una migrazione serena verso il nuovo sistema.
Per coloro che fanno un utilizzo intenso della Consolle ed hanno un archivio importante può essere vantaggioso continuare ad utilizzare la precedente Consolle, mentre per utilizzatori occasionali il nuovo sistema può essere adeguato.

Sono a disposizione per aiutare nell’attivazione del nuovo sistema PCT Enterprise, configurazione del dispositivo di firma digitale e formazione all’uso.

giovedì 7 novembre 2019

Il mistero dell’aggiornamento alla Consolle Avvocato 3.38.0 e i fascicoli scomparsi

Se dopo avere aggiornato la Consolle Avvocato alla versione 3.38.0 o successive sembra che siano scomparsi quasi tutti i fascicoli telematici locali, niente panico: non è così come sembra!

Da questa versione di Consolle è stata introdotta l’organizzazione per pagine dell’archivio fascicoli.
Immediatamente al di sotto dell’elenco è presente una nuova barra strumenti contenente i comandi “Pagina < 1 > di 1 Numero di elementi: 5”:




Vengono visualizzati solamente 5 fascicoli per pagina ed è necessario scorrere avanti/indietro tra le pagine per vedere l’intero elenco. È anche possibile aumentare il numero di fascicoli mostrati per ogni pagina fino a 500.

Corollario:

Ormai da diverse versioni di Consolle è anche stata introdotta una funzione di “archiviazione” dei fascicoli, che consente di nascondere dall’elenco i procedimenti non più attuali senza cancellarli.
La funzione è attivabile per mezzo del tasto “Archivia” presente nella barra superiore e il Filtro “Archiviato” nell’intestazione delle colonne.

venerdì 25 ottobre 2019

Fattura elettronica, truffa elettronica


Come ogni nuovo strumento informatico, anche la fatturazione elettronica viene sfruttata per perpetrare truffe e reati informatici vari.
Sarà capitato di ricevere per email o Posta Elettronica Certificata messaggi apparentemente provenienti dal Sistema di Intercambio dell’Agenzia delle Entrate. Si tratta di messaggi ben confezionati, che imitano gli originali autentici.

È corretto ricevere fatture via PEC?

Devo premettere che il fatto di ricevere fatture elettroniche via PEC non è una prassi standard. Infatti non è ammesso l’invio diretto dal cessionario al cedente di documenti fiscali elettronici, ma occorre passare sempre attraverso il sistema di interscambio.
Il sistema di interscambio NON invia PEC al destinatario, a meno che questi non abbia espressamente attivato questa opzione nell’apposita sezione. Se non si è attivata questa opzione non ci si deve attendere alcuna PEC di consegna fattura dal SdI.

Messaggi con allegato infetto

In alcuni casi al messaggio è allegato un file che presumibilmente dovrebbe essere il documento fiscale. Ma osservando bene si noterà che la sua estensione non è la dovuta .XML ma potrebbe essere un .XLS (ingannevolmente somigliante) oppure .ZIP , .VBS o anche .DOC.
In questo tipo di truffe lo scopo è semplicemente quello di installare un Virus nel computer, probabilmente un ramsonware, ovvero un sistema in grado di “sequestrare” i dati dell’utente al fine di chiedere un riscatto. (https://it.wikipedia.org/wiki/Ransomware)

Prevenzione:

-Diffidare di messaggi di questo tipo anche se provenienti da corrispondenti conosciuti, anche se si hanno avuti scambi epistolari recenti, anche se ricevuti attraverso la Posta Certificata,
-Diffidare a maggior ragione se gli allegati presenti sono diversi da due file entrambi con estensione .XML,
-Evitare di aprire l’allegato e/o cliccare sui link eventualmente presenti,
-Verificare sul Sistema di Interscambio o sul proprio sistema di fatturazione elettronica se effettivamente è arrivata una fattura e scaricarla solo da li.

Comunicato stampa dell’AdE del 13 settembre 2019:


Messaggi di phishing senza allegato infetto

Altri messaggi invece non hanno alcun allegato attivo come sopra descritto. Possono essere presenti allegati .XML di aspetto conforme.
Nel testo sono presenti istruzioni che invitano ad utilizzare per i successivi invii di fatture in formato .XML un nuovo indirizzo PEC.
Ecco un esempio:
Invio file IT6107048106_abcde.XML.p7m, con identificativo 5243567809. In allegato il file contenente la fattura ed il file contenente i metadati.
La mail e' inviata dal Sistema di Interscambio per la fatturazione elettronica (L. 244/2007).
Se il file allegato presenta estensione .xml.p7m vuol dire che e' stato firmato digitalmente con firma Cades; per aprirlo e' necessario installare sul proprio computer un apposito software.
Tali software sono facilmente reperibili sul web sia a pagamento che gratuitamente (licenza open source). Il file xml ottenuto dopo aver 'decifrato' la firma puo' essere agevolmente visualizzato
in formato PDF utilizzando la funzionalita` 'Visualizza PDF Fattura' dell'area 'Fatturazione elettronica' del sito Fatture e Corrispettivi.
Per qualsiasi necessita' di chiarimenti non rispondere a questa mail, ma utilizzare i tradizionali canali di assistenza presenti sul sito www.fatturapa.gov.it.
Il nuovo indirizzo da utilizzare per inviare le prossime fatture al Sistema di Interscambio,  fino ad un eventuale nuovo avviso, e' xxxxxx.xxxxxx@pec.it. L'utilizzo di un indirizzo diverso non garantisce il buon esito del recapito al destinatario.

Quale è lo scopo di questa minaccia? Come può installare Virus?
Semplicemente non lo fa. In base a quanto ho potuto osservare ritengo che il meccanismo di azione è il seguente:
1. Si induce il soggetto che lecitamente emette una fattura ad un suo cliente ad inviare la stessa ad un indirizzo controllato dal truffatore invece di quello del Sistema di Interscambio (si tratta probabilmente di un indirizzo PEC violato mediante furto di credenziali),
2. Il truffatore riceve la fattura e la modifica, sostituendo l’IBAN del creditore con uno di appoggio,
3. La fattura viene recapitata al legittimo destinatario attraverso il regolare sistema di interscambio (Ciò è fattibile perché è possibile inviare un documento con contenuto del tutto arbitrario, purché coerente con le specifiche tecniche, anche nelle sezioni “cedente” e “cessionario”),
4. Il debitore riceve una fattura, perfettamente regolare ed attesa, attraverso il canale ufficiale, per cui effettua il bonifico sul conto truffaldino di appoggio.

Prevenzione:

In aggiunta alle precauzioni precedentemente indicate:
-Non inviare mai un documento fiscale ad un indirizzo PEC che non sia nella forma prevista dall’Agenzia delle Entrate, solitamente sdi..@pec.fatturapa.it, oppure utilizzare altri canali di invio quali generatore online dell’AdE, l’upload oppure i sistemi di fatturazione elettronica di terze parti.

Il rischio esiste anche se non si è il bersaglio diretto del phishing!

Dalla dinamica appena esposta si può capire che anche un ignaro destinatario di fattura elettronica può rimanere truffato: può accadere se a diventare bersaglio del phishing è un suo fornitore.

Come prevenire:

Il comportamento più efficace contro questo particolare meccanismo di truffa è quello di verificare sempre il codice IBAN prima del pagamento, contattando direttamente il soggetto emittente (non prestare fede nemmeno ai contatti presenti nella fattura stessa).

Comunicato stampa dell’AdE del 14 ottobre 2019:



martedì 8 ottobre 2019

Aderire al servizio di consultazione delle fatture elettroniche

Nel 2018 il sistema di interscambio delle fatture elettroniche dell’Agenzia delle Entrate (SdI) è stato oggetto di una osservazione da parte del garante per la privacy (https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9069057).
In seguito al recepimento delle indicazioni fornite, l’Agenzia delle Entrate offre all’utente la possibilità di decidere se rendere visibili le proprie fatture elettroniche nel portale Fatture e corrispettivi (https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/).

Se non si aderisce a questa condizione (che è esplicita, per cui non attivandosi non verrà attivata) non sarà più possibile rivedere e controllare le fatture emesse ed anche quelle ricevute all’interno del portale. Il termine di adesione è il 31 ottobre 2019.
Rimarrà possibile naturalmente consultare le stesse inoltrate su altri portali provati o ricevute via PEC.

Il mantenimento delle fatture nel Portale dello SdI è a mio avviso molto utile, anche come backup, senza che vi siano controindicazioni. Inoltre non è un sostituto del sistema di Conservazione, che ha altro scopo e funzionalità.

Come attivare l’opzione

Per aderire occorre entrare nel portale utilizzando le credenziali AdE, La Carta Nazionale Servizi oppure lo SPID. Quindi si deve andare nella sezione “Fatture elettroniche ed altri dati Iva” dove nella parte superiore della pagina è presente un banner azzurro intitolato: “Adesione al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”.

É teoricamente possibile richiedere l’adesione anche per tramite del proprio commercialista.